Scoprite il jazz del futuro con Astral Travel!

È arrivato l’attesissimo nuovo album degli Astral Travel di Tommaso Cappellato!!!

Le sei tracce di “If You Say You Are From This Planet, Why Do You Treat It Like You Do ?” sono state prodotte da Rabih ‘Morphosis’ Beaini, figura di spicco della scena avant jazz ed elettronica europea. Sul disco è presente la voce del leggendario musicista di Los Angeles Dwight Trible, considerato dalla critica internazionale il ponte tra la generazione jazz di Pharoah Sanders e quella di Kamasi Washington.

Ascolta il primo singolo ‘You Are From This Planet’:

Oltre al batterista e compositore Tommaso Cappellato la formazione degli Astral Travel vanta la presenza dei talentuosi Dwight Trible (vocals), Camilla Battaglia (vocals), Fabrizio Puglisi (piano/synth), Piero Bittolo Bon (alto sax/bass clarinet/flutes/electronics) e Marco Privato (double bass).

Con “If You Say You are From This Planet, Why Do You Treat It Like You Do ?” degli Astral Travel si entra in un nuovo universo in cui il batterista Tommaso Cappellato guida il suo ensemble di musicisti. I testi del disco si ispirano alla fantascienza delle poesie di Sun Ra e al suo libro “This Planet Is Doomed”, investigando sul rapporto tra uomo, spiritualità e natura. Il disco è il frutto di numerose jam session in studio ricostruite con un meticoloso processo di post-produzione dal produttore Rabih Beaini.
Il progetto Astral Travel è nato come tributo al pianista e compositore Harry Whitaker, tra le principali fonti di ispirazione musicale di Tommaso Cappellato, e al suo indimenticato capolavoro degli anni ’70 “Black Renaissance”.
Gli Astral Travel hanno debuttato nel 2013 con “Cosm’ethic” uscito per l’inglese Jazz Re:freshed e vincitore del prestigioso premio JAJ Award come Best New Artist.


Disponibile in VINILE e CD

HiFi Record riapre!

Siamo operativi! Il negozio riapre con orario ridotto, dal lunedì al sabato dalle 9.30 alle 12.30, l’entrata sarà contingentata e verranno garantite tutte le misure di sicurezza in ottemperanza delle direttive ministeriali.

Continue reading